News

Cambio di direzione al quotidiano Bresciaoggi

Cambio di direzione al quotidiano Bresciaoggi

Il direttore Maurizio Cattaneo, dopo l’incarico de L’Arena lascia anche quello al Bresciaoggi, assunto nel 2000, per accedere al prepensionamento previsto dal piano aziendale recentemente approvato.  Il Consiglio di amministrazione della holding del Gruppo editoriale Athesis riunitosi oggi ha nominato all’unanimità direttore del Bresciaoggi Massimo Mamoli, che il 15 dicembre ha assunto la Direzione de L’Arena succedendo allo stesso Cattaneo e che entrerà in carica dal 1° gennaio 2022, dopo un interim dell’attuale vicedirettore Piergiorgio Chiarini, che firmerà il giornale fino al 31 dicembre per poi a sua volta lasciare ed accedere al prepensionamento. Sempre a partire dal 1° gennaio 2022 il ruolo di vicedirettore del Bresciaoggi, su proposta del direttore Mamoli sarà assunto da Alberto Bollis.
Mamoli, 53 anni, veronese, prima di assumere la direzione de L’Arena è stato per lunghi anni vicedirettore del Corriere del Veneto, del Corriere del Trentino, del Corriere dell’Alto Adige e del Corriere di Bologna, dopo una serie di incarichi al Giornale ed infine al Corriere della Sera a Milano.  Alberto Bollis, 57 anni, triestino, è nato e cresciuto giornalisticamente nel quotidiano della sua città, Il Piccolo, del quale è stato vicedirettore per 12 anni. È stato anche caporedattore a Venezia nei quotidiani dell’allora Gruppo Espresso, e, più di recente ha contribuito al progetto editoriale di ItalyPost, coordinandone da Padova i contenuti digitali, tema su cui Bollis collabora con lo stesso Gruppo editoriale Athesis.
Nel corso del CDA, l’Editore ha ringraziato sentitamente Maurizio Cattaneo per la professionalità, la lealtà e l’impegno personale con cui in oltre 20 anni ha saputo guidare il Bresciaoggi accrescendone l’autorevolezza.  Nella stessa occasione l’Editore ha rivolto un caloroso augurio di buon lavoro a Massimo Mamoli, scelto per favorire la continuità editoriale fortemente indipendente del Bresciaoggi e per assicurare un’azione sempre più incisiva di informazione e riflessione sui problemi del nostro tempo e di impegno alla crescita del territorio lombardo-veneto.

Condividi