Comunicati stampa

Podcast di Neri Pozza: un nuovo spazio per una lettura innovativa

Podcast di Neri Pozza: un nuovo spazio per una lettura innovativa


I PODCAST NERI POZZA

La divisione libri del Gruppo editoriale Athesis
lancia la sua collana di podcast.
Un nuovo spazio per comprendere meglio il nostro tempo o per godere
delle pagine migliori dei libri Neri Pozza

Neri Pozza Editore inaugura la sua collana di podcast con storie a puntate a partire dal mese di marzo: si inizierà con Caro Pier Paolo. Dacia Maraini racconta Pier Paolo Pasolini e con Maledetta Sarajevo. Viaggio nella guerra dei trent’anni.
I due podcast nascono e si sviluppano a partire dai testi Caro Pier Paolo di Dacia Maraini, che sarà in libreria dal 3 marzo in occasione dei cent’anni dalla nascita di Pasolini, e Maledetta Sarajevo di Francesco Battistini e Marzio G. Mian, pubblicato a gennaio.

Caro Pier Paolo è la storia in tre puntate della profonda amicizia tra Dacia Maraini e Pier Paolo Pasolini, due scrittori che hanno segnato il nostro tempo.
Maledetta Sarajevo è un viaggio sonoro in quattro puntate di Francesco Battistini e Marzio Mian scritto a trent’anni dalla guerra di Bosnia.

Come spiega Giuseppe Russo, direttore editoriale della casa editrice vincitrice dell’ultimo Premio Strega  «Neri Pozza Podcast è una scelta naturale per una casa editrice che fa della comunicazione della propria identità un aspetto fondamentale del proprio lavoro. La nostra ambizione, infatti, è pubblicare non semplicemente libri, ma opere che lascino il segno nella battaglia delle idee e, in generale, nella cultura del nostro tempo. Da questo punto di vista, le due prime storie sono esemplari dell’indirizzo che Neri Pozza Podcast intende prendere. La pubblicazione di Caro Pier Paolo di Dacia Maraini diventa, nel podcast, l’occasione per ripercorrere il legame con la grande stagione letteraria del secondo Novecento, di cui Pier Paolo Pasolini è stato uno dei maggiori esponenti. Così come, nelle puntate del secondo podcast, Maledetta Sarajevo di Mian e Battistini offre lo spunto per mostrare una circostanza inaudita, divenuta ora di estrema attualità: che la guerra, brutale, feroce, nel cuore dell’Europa non è consegnata affatto all’armadio del Novecento. Emanuele Trevi ha scritto una volta che non soltanto il fascino, ma l’essenza stessa della letteratura sta nel mistero della voce umana. Che i podcast, così come gli audiolibri siano oggi al centro dell’attenzione non stupisce affatto. Offrono la possibilità, irripetibile, di ascoltare e riascoltare, al di là del dilagante frastuono e della futilità delle immagini, voci che ci narrano storie, magnifiche o anche terribili, per comprendere il nostro tempo o per godere delle pagine migliori della nostra letteratura».

“Negli ultimi mesi – osserva Matteo Montan, amministratore delegato di Neri Pozza Editore e del Gruppo editoriale Athesis - la nostra casa editrice ha saputo conquistarsi uno spazio di rilievo in un’offerta culturale che sempre maggiormente lega grande letteratura e intrattenimento di qualità, basti pensare a “Tre piani” di Nanni Moretti e al pluricandidato agli Oscar “Il potere del cane”, entrambi tratti da bestseller pubblicati da Neri Pozza. Il lancio di Neri Pozza Podcast segue idealmente questa linea ed è un’ulteriore conferma del dinamismo e della creatività del direttore Russo e del suo team: i Neri Pozza Podcast potranno infatti espandere sensorialmente le emozioni dei nostri libri e al tempo stesso diffondere il nostro marchio ed i nostri autori su pubblici nuovi e diversi. Ci rende poi particolarmente orgogliosi il fatto che al lancio di questa nuova linea di prodotto abbia contribuito in fase di postproduzione la content factory del Gruppo che produce contenuti multimediali per tutte le nostre storiche testate ed ora anche per la nostra straordinaria casa editrice”.  

Il progetto Neri Pozza podcast si avvale della collaborazione del musicista e sound designer Simone Campa che ha composto le musiche originali della sigla e di ciascun podcast.
Simone Campa crea per Neri Pozza una alchimia acustica in cui musica e suoni diventano veri e propri strumenti narrativi al pari della voce: ora commento e didascalia, ora trasporto emotivo, ora suggestione immaginifica che con immediatezza ed efficacia accompagna l’ascoltatore in una sonosfera (ambientazione sonora, panorama sonoro, dimensione acustica) in cui il potenziale evocativo del racconto si esprime pienamente.
Simone Campa ha creato colonne sonore e musiche di scena per Silvio Orlando (La vita davanti a sé), John Turturro (Italian Folk Tales /Fiabe italiane), Alessio Boni (Lo Stesso Mare), Cesare Levi (Leonce und Lena).

La prima puntata del podcast Caro Pier Paolo, in cui Dacia Maraini leggerà tre lettere tratte dal testo, è disponibile dal 9 marzo e come tutti gli altri podcast è scaricabile gratuitamente da Spreaker, Spotify, Apple podcast e sulle principali piattaforme di streaming.

Condividi